UP!ROME

arch

« La decrescita è elogio dell’ozio, della lentezza e della durata; rispetto del passato; consapevolezza che non c’è progresso senza conservazione; indi erenza alle mode e all’e mero; attingere al sapere della tradizione; non identi care il nuovo col meglio, il vecchio col sorpassato, il progresso con una sequenza di cesure, la conservazione con la chiusura mentale; non chiamare consumatori gli acquirenti, perché lo scopo dell’acquistare non è il consumo ma l’uso; dis- tinguere la qualità dalla quantità; desiderare la gioia e non il divertimento; valorizzare la dimensione spirituale e a ettiva; collaborare invece di competere; sostituire il fare nalizzato a fare sempre di più con un fare bene nalizzato alla contemplazione. La decrescita è la possibilità di realizzare un nuovo Rinas- cimento, che liberi le persone dal ruolo di strumenti della crescita economica e ri-collochi l’economia nel suo ruolo di gestione della casa comune a tutte le specie viventi in modo che tutti i suoi inquilini possano viverci al meglio. »

Maurizio Pallante, “La decrescita felice”

UP! ROME è un progetto nato da una presa di coscienza. Un progetto che propone un movimento, un cambiamento essenziale, non solo al livello formale, ma anche di pensiero. Un ritorno alla qualità a scapito della quantità. Un progetto architettonico, urbanistico e paesaggistico che si pone come testimonianza di un possibile futuro dove la convivenza sia la parola d’ordine. Il progetto vuole contrastare il movimento di espansione anar- chica della città di Roma e riquali care gli spazi generati da questa. La proposta prevede un’inversione di “espansione”, un movimento contrario, un movimento di ritorno verso il cuore della capitale tramite l’inserimento e l’integrazione di spazi e vie verdi nel tessuto urbano esistente, creando così una riquali cazione degli edi cati urbani senza una legislazione ben precisa. ll Municipio XV, con l’espansione del cimitero in un parco dedicato alla popolazione romana, funzionerà da punto di partenza a un’odissea vegetale ma soprattutto umana.

YEAR: june2016

LOCATION:Rome / IT